MENU

Cerca
Close this search box.

SEI QUELLO CHE MANGI O QUELLO CHE PENSI? -PT.4

Allora bisogna stare attenti a come ci si sente, emotivamente intendo, prima di metterci a tavola dicono alcuni… ma è davvero così importante?

Claudia mi dice che a lei piace mangiare sano e biologico, racconta di essere molto attenta agli accostamenti dei vari cibi e ai contenuti delle pietanze e in linea di massima sono assolutamente d’accordo con lei. Una sana attenzione al nostro stile di vita è la regola numero uno per un pieno benessere: eppure Claudia soffre di colite, di dolori intestinali abbastanza importanti e lamenta una discreta irregolarità, disturbi che per un bel periodo di tempo sono migliorati dall’inizio del cambio di alimentazione. Mentre ora, pur rispettando con rigore le prescrizioni nutrizionali, i sintomi sono riaffiorati e si stanno ripresentando. Lei prova un bel disappunto davanti a questa sorta di insuccesso e allora iniziamo una ricerca più approfondita di cause non nutrizionali, che, come funghi dopo una notte di pioggia, spuntano copiose dal sottobosco delle sue emozioni.

Lei racconta di un rapporto molto complicato con la mamma anziana che sembra la vessi in continuazione con le sue lamentele e richieste e lei sembra affranta del fatto di non riuscire a trovare una soluzione accettabile a questa situazione. Letteralmente le si contorcono le budella! Questo è il vero nodo da sciogliere anche perché questa storia va avanti da qualche anno e Claudia dice tra l’altro di non “digerire” il rapporto difficile che ha da sempre, con sua madre.

Ma poi ci pensa un attimo e si ferma a riflettere: cavolo, domenica è stata alla festa di compleanno di un caro amico e ha mangiato di tutto, senza alcuna limitazione e, miracolo, ha digerito tutto benissimo (per un giorno lontana da sua madre). Le mamme sono sempre fantastiche credetemi e gli vogliamo un gran bene e non sono loro l’argomento di queste righe, il protagonista è lo stress che viviamo in determinate situazioni. Meditiamo.